Decodificare il presente, raccontare il futuro

PROFILI

Ritratti, interviste.

IL FUTURO, A ORIENTE. INTERVISTA A SIMONE PIERANNI

Neo-marxismo e ipercapitalismo, rivoluzione tecnologica, Stato e contestazioni, sorveglianza, visioni dal presente-futuro. Abbiamo intervistato Simone Pieranni, autore di “La Cina nuova” (Editori Laterza, 2021) e uno dei più grandi esperti italiani in materia, per capire costa sta succedendo a estremo oriente e di riflesso negli assetti delle odierne società globali.

LE PAROLE E LE IMMAGINI DEL VIRUS. DIALOGO CON GIUSEPPE GENNA, AUTORE DI “REALITY”

In questa seconda parte di dialogo con Giuseppe Genna, I DIAVOLI si interrogano con l’autore del libro “Reality” su contraddizioni e sorti emerse durante la pandemia; sul valore della letteratura e dell’immagine nell’epoca della scomparsa del testo e sull’importanza della testimonianza.

LA GLOBAL CITY NELL’EPOCA DEL VIRUS. DIALOGO CON GIUSEPPE GENNA, AUTORE DI “REALITY”

In questo prima parte di dialogo, I DIAVOLI si interrogano con Giuseppe Genna, autore del libro “Reality”, su verità troppo a lungo celate e quindi emerse all’improvviso durante la pandemia: sul portato simbolico della città di Milano e sul concetto di global city in generale; sull’importanza della testimonianza, sulla possibilità di tenere accesa la scintilla di una nuova speranza.

L’ETÀ DELL’OIKOCRAZIA. INTERVISTA A FABIO ARMAO

Come in un’inquietante fusione tra i romanzi di Orwell e Huxley, stiamo per entrare in un nuovo totalitarismo: l’età dell’oikocrazia, neologismo che descrive l’ascesa del clan in quanto struttura sociale di maggior successo dell’epoca globale – non più solo in ambito criminale ma anche nella politica, nell’economia e persino nella società civile. Ce lo racconta Fabio Armao, che abbiamo incontrato

LA CENTRALITÀ DELLA CINA NELLE SOCIETÀ GLOBALI. INTERVISTA A SIMONE PIERANNI, AUTORE DI “RED MIRROR”

Dopo aver pubblicato un estratto del suo ultimo libro, “Red Mirror”, abbiamo intervistato Simone Pieranni in merito a sorti e contraddizioni del capitalismo di sorveglianza cinese, che si appresta a rimodellare le odierne società globali e a mutare le nostre esistenze.

IL RITORNO DELL’IMPERO. BREXIT VOLUME 4, INTERVISTA A PAUL MASON

Nato in una famiglia della working class del nord dell’Inghilterra, Paul Mason è un profondo conoscitore di quelle zone depresse, di quel “muro rosso” che si è sgretolato davanti all’avanzata della xenofobia nazionalista-conservatrice. Per questo è stato una preziosa guida nel viaggio che i Diavoli hanno percorso durante la settimana elettorale destinata a cambiare i destini dell’Europa. L’ultima

Vedere l’epoca in cui si vive. Intervista a Philip Di Salvo

“Big data”, IA, capitalismo di sorveglianza. L’avanzamento tecnologico è accompagnato da brucianti contraddizioni, quali le nuove forme di sfruttamento, i “pregiudizi algoritmici” e il controllo pervasivo. Ne abbiamo parlato con Philip Di Salvo, esperto di whistleblowing, sorveglianza e hacking.

La guerra dei dati e il nemico invisibile. Intervista a Carola Frediani

“Big data”, intelligenza artificiale, sorveglianza degli utenti: nuove forme di sfruttamento e relativi impatti politico-sociali. La Rete e le battaglie ancora possibili per renderla libera e orizzontale. Ne abbiamo parlato con Carola Frediani, esperta di tecnologia, cybersicurezza e privacy.

“Airbnb non viene dal basso, e di certo non redistribuisce”. Intervista a Sarah Gainsforth

La gentrification agisce proprio come il pioniere che alla frontiera americana sosteneva di “liberare” le terre selvagge, mentre se ne impadroniva. Airbnb è un tassello fondamentale di questo processo e l’Italia è oggi il suo terzo mercato al mondo. Eppure persistono un’arretratezza di comprensione del fenomeno e un’arretratezza del dibattito. Ne abbiamo discusso con Sarah Gainsforth, autrice di “

IL CAPITALISMO DELLE PIATTAFORME

Google, Facebook, Amazon, Walmart. La guerra dei dati imperversa. All’apice storico di estrattivismo e sorveglianza digitale, i big data sono il nuovo bacino di monsieur le Capital e il “capitalismo delle piattaforme” l’orizzonte su cui si staglieranno i futuri scenari della società umana, con i loro rapporti di forza e conflitti di classe. Lo racconta Nick Srnicek (autore di “Platform Capitalism”

FASCISMO-POP: DAL BRAND ALLO SDOGANAMENTO

Da un lato la normalizzazione dell’immagine dell’estrema destra, il nuovo “sdoganamento” di chi si dichiara “erede del fascismo”, dall’altra gli spazi mediatici, concessi soprattutto a Casa Pound, rappresentano una sorta di chiusura del cerchio: un fenomeno che più esiste più se ne parla, specie in tv, e per questa stessa via sembra divenire sempre più consistente. Ci troviamo davanti a una sorta

LA CRIMINALITÀ DAL LOCALE AL GLOBALE

Negli ultimi venticinque anni, da Tangentopoli in poi, le organizzazioni mafiose hanno acquisito un potere sempre maggiore e sistemico. Si sono perfettamente adattate ai nuovi scenari economici e, con la complicità della politica, hanno dimostrato di sapersi evolvere con straordinaria efficacia dal locale al globale. Quello della criminalità, è oggi un mercato sempre più internazionale e in contin

CHI È WAUQUIEZ, L’ANTI-MACRON ICONA DELLA DESTRA IDENTITARIA

Classe 1975, appena eletto alla guida dei Repubblicani di Francia. È pronto a ricompattare "la vera destra" sovranista, combattere il "capriccioso" Macron e rosicchiare voti al Front National di Marine Le Pen.

LA MAPPA DEI POPULISMI D’EUROPA

Il “Million Dollar Babiš” euroscettico e anti-Islam della Repubblica Ceca è solo l’ultimo ad aver sigillato il consenso alle urne. L’Unione europea è costellata di cuori neri, narrazioni sovraniste e retorica contro migranti, stranieri e musulmani: dalla Francia alla Polonia, passando per Olanda, Germania, Austria e Ungheria.

IL CUORE NERO D’AUSTRIA. CHI È HEINZ-CHRISTIAN STRACHE

Invoca la riappropriazione della sovranità nazionale, aizza la paura dell’Altro mescolandola a slogan anti-Islam e migranti, mentre cristallizza un’identità monolitica e quasi fittizia, impermeabile alle contaminazioni. La parabola ascendente del leader di estrema destra del Fpö che ha tallonato Sebastian Kurz - vincitore delle elezioni e primo millennial a capo di una Cancelleria europea - e ora

CHI È ALICE WEIDEL, VOLTO BORGHESE DELLA DESTRA XENOFOBA AFD

Sovranista anti-euro, lesbica in un partito contro i matrimoni gay, con un passato in Goldman Sachs, leader dell'Alternative für Deutschland arrivata terza alle elezioni tedesche, pronta a sigillare le frontiere e ad annullare l'equazione "Germania porto sicuro per i criminali stranieri". Ecco perché l'avanzata di Alice Weidel deve preoccuparci.

DISUGUAGLIANZE INACCETTABILI

Assolutamente no, le disuguaglianze non vengono abbattute dalla crescita economica anzi è vero il contrario

LA SINDROME NAPOLEONICA DI MACRON

«Derive assolutiste», denunciano i suoi detrattori, ma il presidente francese continua indomito sulla sua strada. Sceglie Versailles e non l'Eliseo per il suo discorso al Parlamento. Moralizzatore in politica, liberale in economia (per una Francia «nazione startup»), securitario contro il terrorismo. Sul lavoro ha coniato la formula "flexi-securité", ma sindacati e sinistra promettono già battagli

IL CAMPO DI CALCIO COME IL TRADING FLOOR

I calciatori come gli operatori di borsa. La storia di Mark Warburton: ex giocatore, ex trader nella City londinese, oggi tecnico del Nottingham Forrest. Porta i giocatori a vedere "il floor" per far capire loro lo stress della finanza e disegna paralleli tra il trader e il calciatore: «Pressione, rischio, ricompense, soldi. Etica del lavoro, volontà, desiderio. I giorni buoni e i giorni cattivi d