Decodificare il presente, raccontare il futuro

Mon, November 7, 2016

DELITTO E CASTIGO

Hillary è il castigo di un paradosso: votare repubblicano pensando di votare democratico; è il castigo dei cacciabombardieri in volo verso il Golfo persico e degli scarponi sulla sabbia del deserto, il castigo della finanziarizzazione dell'economia reale, e della finanza - immemore del crollo del 2007 - che tenta di sopravvivere. Trump è il delitto della lobby delle armi. Hillary è il castigo dello scudo fiscale alle platform company tecnologiche. Trump è il delitto del trash, Hillary è il castigo dell'establishment.

ARTICOLO

[da una community del dark web] vlp26ueoc5XXrrcs4.onion/
on: November 6, 2016, 04:13:36 pm 
Trump è il delitto, Hillary il castigo.
Trump è il delitto del nichilismo incendiario, la Russia di metà Ottocento che ritorna oggi a Occidente: le mani di Raskol’nikov intorno alla scure che schianta il “pidocchio”, la vecchia usuraia.
Hillary è il castigo di un popolo che marcia come un gregge verso l’ovile, è il passato scaduto, lo psicofarmaco che oblia la realtà.
Trump è il delitto dell’uomo che si crede al di là del bene e del male. Hillary è il castigo di un Paese che non crede più a niente. 
Trump è il delitto di una passione triste: l’odio. Hillary è il castigo di una passione triste: la rassegnazione.  
Trump è il delitto dell’intelletto, è la mente sorda ai racconti di progresso. Hillary è il castigo del tempo sprecato, di una restaurazione impossibile.
Trump è la pillola rossa: vedranno quant’è profondo l’abisso dell’incubo. Hillary è la pillola azzurra: fine della storia, si sveglieranno nelle loro camere e crederanno a ciò che vorranno. 
Trump è il delitto della pena di morte, della distruzione ecologica, del cemento armato che scorre a fiumi, dei confini che si fanno muri e dei muri che diventano confini. 
Hillary è il castigo di un paradosso: votare repubblicano pensando di votare democratico; è il castigo dei cacciabombardieri in volo verso il Golfo persico e degli scarponi sulla sabbia del deserto, il castigo della finanziarizzazione dell’economia reale, e della finanza – immemore del crollo del 2007 – che tenta di sopravvivere.  
Trump è il delitto della lobby delle armi. Hillary è il castigo dello scudo fiscale alle platform company tecnologiche.  
Trump è il delitto del trash, Hillary è il castigo dell’establishment. 
Trump è il delitto di uomini che odiano le donne, dei “negri che sono pigri”, degli “ispanici che non devono passare”. Hillary è il castigo dei soldi di chi la finanzia, delle oligarchie che la supportano, del partito democratico dimentico della working class.  
Trump è il delitto di zar e sultani eletti a modello. Hillary è il castigo delle sue relazioni con le canaglie del Medioriente. 
Trump è il delitto di Bill il Macellaio ai Five Points, nelle Gangs of New York. Hillary è il castigo di Nora Desmond nel Viale del tramonto
Trump è il delitto della supremazia bianca, del nativismo e dei fratelli Bundy. Hillary è il castigo dell’usato sicuro: del centrismo in decomposizione in tutti gli angoli del globo. 
Trump è il delitto di dio, Hillary è il castigo del grande Inquisitore. 
RAGE 
Leggi anche: Elezioni Usa. Il male minore Incubo americano

NEWSLETTER


Autorizzo trattamento dati (D.Lgs.196/2003). Dichiaro di aver letto l’Informativa sulla privacy.



LEGGI ANCHE: